CONTATTAMI SUBITO

02 5460319


DALLA TUA PARTE

COME DIFENDERSI DALL’ACCUSA DI DROGA PARLATA

  • Penale
  • francesco
  • No Comments
  • settembre 19, 2017

COME DIFENDERSI DALL’ACCUSA DI DROGA PARLATA

Nell’articolo precedente abbiamo parlato dei processi di droga parlata e abbiamo fatto anche un esempio di una conversazione tra me e mia suocera (se non hai letto quell’articolo ti consiglio di farlo).

Oggi parliamo di come difendersi…dai processi di droga parlata!

***

Or dunque: quando si realizzano i processi di droga parlata?

I procedimenti di “droga parlata” si hanno quando le persone vengono messe sotto processo non perché sono stati colti con la droga nelle tasche, o nel mentre effettuavano una cessione di stupefacente, ma perché ad “incastrarli” sono le loro… parole….parole…parole.

Ossia quando nelle conversazioni telefoniche si parlerebbe, attraverso un linguaggio criptico – cioè oscuro, allusivo e non chiaro – di passaggi di sostanze stupefacenti.

Per essere considerato colpevole, secondo Giurisprudenza granitica, non occorre che sia sequestrata un’unghia di coca o che sia fotografata una cessione di una bustina d’erba, ma sono bastevoli le sole conversazioni captate.

In altre parole, l’intercettazione telefonica non necessariamente deve trovare delle conferme esterne.

E allora: come si contesta un’accusa di tal fatta?

Qui è tutto un gioco di interpretazione.

Bene, insieme al tuo difensore dovrai contestare l’interpretazione delle conversazioni incriminate.

L’intercettazione, per avere una validità probatoria, deve essere connotata da tre elementi:

  1. Chiarezza
  2. Decifrabilità del significato
  3. Assenza di ambiguità.

In altre parole: in quella conversazione si parla veramente di droga o di qualcos’altro?

Il difensore dovrà, sulla base di elementi fattuali, dare una spiegazione logica a quelle conversazioni.

Ovvero: non si alludeva a sostanze stupefacenti ma a tutt’altro.

In un processo di droga parlata abbiamo dimostrato in Appello che quelle conversazioni non facevano riferimento a passaggi di stupefacenti, ma a rapporti di altra natura.

Vale a dire che la persona si recava da queste persone non per cedere sostanza drogante, ma per altre ragioni.

La Corte ha condiviso il nostro assunto e ha assolto per 9 capi d’imputazione la mia assistita.

Come nella canzone di Noemi: “sono solo parole!”

***

 

Bene, se ti è piaciuto questo articolo e lascia un commento e ti risponderò.

Se vuoi espormi il tuo caso giudiziario chiamami, oppure scrivimi e sarò pronto ad ascoltarti e ad aiutarti…perché…

Io sono Francesco D’Andria e sono dalla tua Parte.

No Comments

Leave Comment

Please enter a message.
Please enter your name.
Please enter a valid e-mail address.

LATEST NEWS

We are a full service, general practice law firm, but we specialize in the areas of residential and commercial real estate transactions and litigation and commercial transactions and litigation.
Share on Facebook Share
Share on TwitterTweet