CONTATTAMI SUBITO

02 5460319


DALLA TUA PARTE

Diritto penale d’impresa

diritto penale d'impresa

“Ciao sono Francesco D’Andria e sono un avvocato penalista che si occupa specificamente di diritto penale d’impresa.”

Se sei un imprenditore e stai leggendo questa pagina sappi che so benissimo le difficoltà che incontri ogni giorno nell’attività imprenditoriale che eserciti.


Nella mia attività professionale ho avuto modo di vedere che in Italia gli imprenditori sono dei veri e propri eroi.

Per natura sono un ottimista ma so bene che fare impresa in Italia è, scusa il bisticcio di parole, IMPRESA veramente ardua: tasse su tasse da pagare, normative oscure e macchinose, banche ottuse che hanno chiuso i rubinetti dopo anni di “prestiti allegri”, un sistema burocratico elefantiaco e parassitario, assenza di propensione al rischio, provincialismo, corruzione.

Come se tutto ciò non bastasse molte volte un imprenditore va incontro a difficoltà e problematiche neanche mai immaginate. Da un giorno all’altro potrebbe iniziare l’incubo: l’accusa di aver commesso un reato. Ci riferiamo ai processi ai c.d. colletti bianchi. I reati economici.

Ad esempio, tanto per citarne uno, il reato di bancarotta fraudolenta (lasciamo perdere le varie classificazioni). In pratica, si accusa l’imprenditore di essere “scappato con la cassa” in danno dei creditori i quali non vedranno il becco di un quattrino.

A volte i casi di bancarotta (come altri reati economici) sono dei clamorosi errori giudiziari. Celebri sono i casi in cui gli imprenditori non hanno agito illecitamente eppure hanno subito un processo penale, la carcerazione preventiva, ingenti danni economici.

È il caso, ad esempio, del famoso stilista Gai Mattiolo, arrivato al successo ad appena 19 anni grazie ai famosi 50 milioni di lire prestati dal padre che gli permisero di aprire la prima boutique a Roma, arrestato nel 2008 con l’accusa di bancarotta fraudolenta. Dopo dieci anni di calvario giudiziario è riuscito a dimostrare la sua innocenza.

“Ho pianto dopo la sentenza d’assoluzione” dichiarò alla stampa dopo che il suo difensore al telefono gli comunicò l’esito del processo.


Mi occupo di questi processi penali e difendo tutti quegli imprenditori che fanno impresa, accusati ingiustamente di reati economici, che purtroppo si imbattono in accuse ingiuste.

IL FILM

L’INTERVISTA