CONTATTAMI SUBITO

02 5460319


DALLA TUA PARTE

I FALSI RICORDI NEI MINORI

  • Penale
  • francesco
  • No Comments
  • giugno 6, 2017

I FALSI RICORDI NEI MINORI

In questo articolo affrontiamo i falsi ricordi nei minori e gli effetti che questi provocano sulla verità nelle aule di giustizia.

Cos’è un falso ricordo?

Si definisce falso ricordo un fatto che in realtà non è mai avvenuto, ma che viene rammentato come se fosse realmente accaduto.

Il falso ricordo può verificarsi maggiormente nei minori.

Il minore è soggetto altamente suggestionabile.

Sotto il profilo neurologico si può dire che La capacità mnestica, ossia la capacità a ricordare, dei bimbini in età prescolare è particolarmente labile. Questo per un fatto puramente scientifico, e ci riferiamo allo sviluppo del cervello.

Per le neuroscienze, fino ad una certa età e quindi fino ad un certo grado di sviluppo (4-5 anni) non è possibile formare ricordi stabili; di conseguenza, è lecito diffidare delle memorie anteriori a questo stadio.

Ergo: I soggetti particolarmente esposti ai falsi ricordi sono i bambini.

Gli psicologi Joseph e Anne-Marie Sandler hanno messo in luce la sostanziale inaccessibilità delle memorie infantili; più degli altri tipi di memorie, il ricordo che risale all’infanzia risulta poco affidabile dal momento che le memorie infantili vengono spesso “corrette” e arricchite da particolari derivanti dalle aspettative e dalle fantasie dell’adulto, oppure indotti da trattamenti degli pscicoterapeuti.

Di conseguenza, il bambino potrebbe essere indotto a ricordare e poi a raccontare un fatto che non è mai accaduto.

Nei tanti processi di abusi su minore che ho trattato mi sono reso conto che in essi vi è un “tratto comune”; in ognuno di questi c’è sempre un interrogatorio suggestivo, una domanda inducente, un’aspettativa dell’adulto che inevitabilmente influenza il ricordo del bambino.

Passiamo subito a degli esempi tratti dalla mia esperienza giudiziaria.

La bimba torna a casa e dice che, dopo aver fatto bene un’esecuzione al pianoforte, il maestro le ha dato un bacio sulla guancia.

Il Papà si arrabbia e dice: “Ti ha dato un bacio? Dì che non deve farlo mai più! E che non deve toccarti mai più!”.

In questo modo la bimba viene indotta a pensare che quel bacio dato era qualcosa di brutto, qualcosa che non si fa, e quando il maestro la toccherà successivamente sulla gamba per battere il tempo o le toccherà le spalle e il busto per la correzione della postura quello sarà ancora una volta un atto brutto, qualcosa che non si fa!

Quando riparlerà con i genitori questi le diranno che l’insegnante ha fatto qualcosa che non andava fatto, che lei non capisce perché è piccola, ma loro sanno che quello è… un atto sessuale.

L’adulto quindi reinterpreta quell’atteggiamento alla luce di una connotazione sessualizzante e la minore crederà a quello che diranno i genitori caduti a loro volta in un errore.

Ecco impiantato nella memoria della minore un falso ricordo.

Così una carezza può sembrare un atto di libidine e il minore si ricorderà non la carezza ma un atto di libidine.

Leonardo Da Vinci diceva: “Nulla ci inganna di più del nostro giudizio”.

Bene, se ti è piaciuto questo articolo e vuoi lasciare un commento fallo pure:  ti risponderò con piacere.

Se vuoi espormi il tuo caso giudiziario chiamami, oppure scrivimi e sarò pronto ad ascoltarti e ad aiutarti…perché…

Io sono Francesco D’Andria e sono dalla tua Parte.

No Comments

Leave Comment

Please enter a message.
Please enter your name.
Please enter a valid e-mail address.

LATEST NEWS

We are a full service, general practice law firm, but we specialize in the areas of residential and commercial real estate transactions and litigation and commercial transactions and litigation.
Share on Facebook Share
Share on TwitterTweet