Cos’è il patteggiamento?

Il patteggiamento, o applicazione della pena su richiesta delle parti, è un rito speciale ed alternativo al giudizio ordinario ed è disciplinato dagli artt. 444 e ss. c.p.p.

Si tratta di un rito premiale poiché può comportare uno sconto di pena fino al limite di 1/3 nonché deflattivo del dibattimento, posto che la relativa richiesta può essere avanzata nel corso delle indagini preliminari o dell’udienza preliminare e, in questo caso, fino alle conclusioni delle parti.

Il patteggiamento presuppone l’accordo dell’imputato e del PM sulla pena da irrogare e, in particolare, alla proposta di una delle parti deve seguire il consenso dell’altra.

Pertanto, qualora non vi sia opposizione della parte che non ha formulato la richiesta, il giudice, sulla base degli atti, ne dispone con sentenza l’applicazione, sempre che valuti congrua la pena pattuita e non debba pronunciare sentenza di proscioglimento ai sensi dell’art. 129 c.p.p.

Nell’ipotesi in cui la parte subordini l’efficacia dell’istanza di applicazione pena alla concessione della sospensione condizionale della pena, il giudice, se ritiene di non poter ammettere a tale beneficio, rigetta tale richiesta. Se vi è stata costituzione di parte civile, il giudice non decide sulla relativa domanda ma l’imputato è comunque condannato al pagamento dalla medesima sostenute.

Vi sono limiti al patteggiamento?

Le parti devono avere ben presente che la quantità di pena pattuita non deve superare i 5 anni di pena detentiva (c.d. “patteggiamento allargato”), soli o congiunti a pena pecuniaria, tenuto conto di eventuali circostanze ed applicata la diminuente per il rito. Tuttavia, per una serie di reati, quali quelli previsti dall’art. 51 c. 3 bis e quater c.p.p., prostituzione e pornografia minorile, nonché per gli imputati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza o per coloro ai quali è contestata la recidiva ai sensi dell’art. 99 c. 4 c.p., il patteggiamento può essere concesso solo nei limiti di pena di 2 anni.

Tale limite di pena viene a configurare il patteggiamento tradizionale o c.d. “patteggiamento ristretto”, disciplinato dall’art. 445 c.p.p.: in particolare, il comma 2 prevede l’estinzione del reato qualora venga irrogata una pena detentiva non superiore ad anni 2, soli o congiunti a pena pecuniaria, se nel termine di 5 anni per i delitti e di 2 anni per le contravvenzioni l’imputato non commette altro delitto o altra contravvenzione della stessa indole. Ciò comporta l’estinzione del reato e di ogni effetto penale.

Ad esempio, se Tizio è stato condannato con sentenza di patteggiamento ad 1 anno di reclusione per il delitto di stalking, se nel termine di 5 anni dall’esecuzione della pena non commette nuovamente tale reato potrà ottenere l’estinzione del reato e di ogni effetto penale.

Cosa succede nel caso di delitti contro la Pubblica Amministrazione?

Nei procedimenti per delitti contro la Pubblica Amministrazione, fino alla sentenza n. 12541/2019, emessa dalla Suprema Corte di Cassazione, IV Sezione Penale, l’ammissibilità della richiesta era subordinata alla integrale restituzione del prezzo o del profitto del reato. Dopo tale recente pronuncia, invece, il patteggiamento sia nella forma ristretta che allargata preclude la riparazione pecuniaria nei confronti dell’amministrazione danneggiata.

Qualora la parte, nel formulare la richiesta, ne subordini l’efficacia all’esenzione dalle pene accessorie previste per tali reati o all’estensione della sospensione condizionale della pena a tali pene accessorie, il giudice, se ritiene di applicare queste ultime o di non estendere alle stesse la pena sospesa, rigetta l’istanza.

Ad esempio, se Tizio è imputato di peculato ai sensi dell’art. 314 c.p. e subordina la propria istanza di patteggiamento all’estensione della pena sospesa alla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici e il giudice decide di non estendere alla stessa tale beneficio, rigetta l’istanza.

Approfondimenti sul reato di Patteggiamento

Scopriamo insieme una serie di approfondimenti e articoli redatti dal nostro Studio Legale Penale e legato al reato di patteggiamento.

8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento e Udienza Preliminare

Quando può essere presentata la richiesta di applicazione della pena? La richiesta di patteggiamento può essere richiesta nel corso delle indagini preliminari, in caso di notifica del decreto di giudizio immediato, in caso di giudizio…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento e parte Civile

Quando si verifica l’esclusione della parte civile nel patteggiamento? Dato che il primo momento in cui può avvenire la costituzione di parte civile è l’udienza preliminare, ai sensi dell’art. 79 c.p.p., in caso di patteggiamento…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Calcioscommesse e il Patteggiamento di Antonio Conte

Data la premialità e la convenienza del patteggiamento, tale rito speciale risulta scelta primaria, quando sorgono guai, anche per molti personaggi del mondo dello spettacolo o dello sport. Basti pensare al famoso caso “Calcioscommesse”, che…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento con Equitalia

Si può “patteggiare” con Equitalia? Ebbene sì, si tratta dell’accertamento con adesione, sorta di accordo tra contribuente ed ufficio che può essere raggiunto prima o dopo l’emissione dell’avviso di accertamento nonché dopo il controllo effettuato…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento e Giudizio Immediato

In quali altri casi si può chiedere il patteggiamento? Il patteggiamento può essere richiesto, oltre che durante la fase delle indagini preliminari e nel corso dell’udienza preliminare (fino alle conclusioni delle parti), anche in sede…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Modello di Patteggiamento

Come può essere formulata l’istanza di applicazione della pena su richiesta delle parti? Un possibile modello potrebbe essere il seguente. “N. ___/____ R.G.N.R. UFFICIO DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI PRESSO IL TRIBUNALE DI _______…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Furto Aggravato e Calcolo del Patteggiamento

Il furto aggravato è disciplinato dall’art. 625 c.p. e prevede che la pena per il fatto previsto dall’art. 624 c.p. (che disciplina il furto semplice) è la reclusione da 2 a 6 anni e della…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento e Procura Speciale

Anzitutto, cos’è la procura speciale e quando viene conferita? La procura speciale è un atto personalissimo ed il conferimento della stessa è disciplinato dall’art. 122 c.p.p. che al comma 1 prevede che la procura speciale…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Schema di Patteggiamento

Esistono regole per calcolare la pena oggetto di patteggiamento? Ai fini del calcolo della pena da patteggiare occorre avere ben presente l’ordine da seguire, al fine di operare correttamente gli aumenti e le riduzioni a…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento e Riabilitazione

Cos’è il patteggiamento? Il patteggiamento è un rito speciale, alternativo al giudizio ordinario, caratterizzato dai requisiti della premialità e della deflattività: è premiale perché consente uno sconto di pena sino al limite di 1/3 per…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento e furto aggravato

Anzitutto, quando si configura il furto aggravato? Il furto aggravato è disciplinato dall’art. 625 c.p., a norma del quale la pena di cui all’art. 624 c.p. (furto semplice) è aumentata se ricorrono una o più…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Sentenza di Patteggiamento

Quando il giudice pronuncia sentenza di patteggiamento? Il giudice pronuncia la sentenza quando ricorrono le condizioni per l’accoglimento della richiesta di cui all’art. 444 co. 1 c.p.p. Cosa succede in caso di dissenso o di…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Istanza di Patteggiamento

Quando può essere chiesto il patteggiamento? Ai sensi dell’art. 446 c.p.p., la richiesta di cui all’art. 444 co. 1 c.p.p. può essere formulata sino alle conclusioni e sino alla dichiarazione di apertura del dibattimento di…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento in Appello

Cos’è il “patteggiamento in appello”? Il concordato in appello, anche detto “patteggiamento in appello”, è disciplinato dall’art. 599 bis c.p.p., introdotto con la Legge 23 giugno 2017 n. 103 (c.d. “Riforma Orlando”), che al comma…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento in continuazione

Quando si parla di “patteggiamento in continuazione”? Il cosiddetto “patteggiamento in continuazione” si ha quando viene effettuata  richiesta di applicazione del rito speciale del patteggiamento ad un reato connesso per continuazione ad un altro reato…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento Penale

Cos’è il patteggiamento penale? Si tratta sostanzialmente di un accordo sulla pena da comminare, cui giungono le due parti in causa, cioè l’imputato e il Pubblico Ministero. Il patteggiamento è un rito speciale alternativo al…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Significato di Patteggiamento

Cosa significa “patteggiare”? Il termine “patteggiare” deriva da “patto” e significa raggiungere un accordo su una qualsivoglia questione. Ad esempio, si può patteggiare sul prezzo di una merce, ossia si contratta e mercanteggia sino ad…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Patteggiamento allargato

Cos’è il “patteggiamento allargato”? L’art. 444 c. 1 è stato introdotto dalla L. 12.06.2003 n. 134 e disciplina il cosiddetto “patteggiamento allargato”, che consente all’imputato e al Pubblico Ministero di raggiungere l’accordo su una pena…
Scopri di più
8 Luglio 2019 in Patteggiamento

Calcolo della pena nel patteggiamento

Come si calcola la pena in caso di istanza di patteggiamento? Ai fini del calcolo della pena da applicare occorre seguire un preciso ordine. Prima di tutto bisogna considerare le circostanze aggravanti ed attenuanti: in…
Scopri di più

Il primo passo per risolvere il vostro problema!

Per un APPUNTAMENTO può contattarci al n° 02 5460319 o potete compilare il form